echo '?' . filemtime( get_stylesheet_directory()

15° Angal Day

Aug 17th, 2011 | By | Category: News, Soci

Il 13 agosto, come sempre alla “Torretta”, si è svolto l’annuale incontro degli “Amici di Angal”, il quindicesimo. E’ stata una giornata speciale, che ha riunito Amici vecchi e nuovi (una cinquantina) in un clima festoso, mentre si intrecciavano racconti e ricordi delle varie esperienze vissute ad Angal, alcune decisamente drammatiche, come i vari colpi di stato o di emozioni vissute in sala operatoria durante un intervento difficile.

Sono riemersi episodi quasi dimenticati e volti di persone che in quasi cinquant’anni hanno contribuito a migliorare il St, Luke hospital. Li hanno ricordati anche i Padri Comboniani che hanno concelebrato la Messa, ben 4 presenti quest’anno: P. Felice Centis, che, nonostante i suoi novant’anni ripartirà presto per Angal, P. Gino Stocchero, P. Elio Zanei e P. Enrico Colleoni, tutti sul punto di riprendere il volo.

Nel pomeriggio si è svolta L’ASSEMBLEA GENERALE DEI SOCI durante la quale si è parlato di moltissimi argomenti, dai problemi dell’ambulatorio odontoiatrico a quelli dell’informatizzazione.

  • Con il presidente degli “Informatici senza frontiere” Gimo Botter, si è parlato della necessità di un assessment per valutare l’utilizzo dei mezzi informatici esistenti e di un riallineamento del software OpenHospital (attualmente in uso presso l’Ospedale da ormai 6 anni) alle necessità che nel frattempo – in lieve misura – sono mutate.
  • E’ stata evidenziata l’opportunità di dotare l’ospedale di una connessione a internet più veloce e stabile in modo da offrire ai medici la possibilità di un aggiornamento professionale, consapevoli che un collegamento ad internet robusto e performante è indubbiamente un motore di sviluppo sociale per il quale i tempi sono maturi anche ad Angal.
  • Sono poi stati presi in esame i vari aspetti della convenzione tra Associazione e Amministrazione dell’Ospedale, con lo scopo di rendere sempre più efficace il nostro intervento e trasparente l’uso dei fondi messi a disposizione per i vari progetti.
  • Si è stabilito il budget per il workshop dedicato alla qualità che l’amministratore Mr Simon Winkole intende organizzare, coinvolgendo alcuni docenti dell’Università cattolica di Nkozi, per promuovere all’interno di ogni categoria del personale una migliore presa di coscienza dei propri doveri e delle strategie per migliorare la qualità dell’assistenza all’ammalato.
    Questo impegno era stato richiesto dall’Associazione perchè si era verificato un progressivo calo nell’impegno di parte del personale, soprattutto medico. Si è anche deciso di subordinare gli incentivi a un effettivo miglioramento della situazione.

L’aspetto notevole di quest’incontro, percepito da tutti, è stata la cordialità, la gioia di ritrovarsi insieme con gli stessi obiettivi, gli interventi alle discussioni con proposte concrete, la partecipazione dei giovani, l’entusiasmo dei bambini (Cecilia, Giacomo e Beppo) che hanno organizzato in proprio una raccolta fondi per i bambini di Angal, vendendo ai partecipanti gusci vuoti di lumaconi (fantastico).

A tutti i partecipanti un ringraziamento e una sollecitazione a promuovere la raccolta di fondi a favore dell’Ospedale attraverso l’organizzazione di iniziative, anche personali, per diffondere una maggiore conoscenza delle attività degli Amici di Angal sui vari progetti, la possibilità di contribuire con il 5 per mille, senza dimenticare il contributo personale di tanti che in questi anni, in modo continuativo, ci fanno sentire concretamente il loro impegno e la loro attenzione per i problemi di Angal.

3 comments
Leave a comment »

  1. Una giornata che ci ha fatto, come sempre, bene al cuore: è bello ritrovare persone diverse per provenienza, professione, età che condividono un progetto solidale.

    Betty ed Italo

  2. Al ritorno dal 15° Angal Day, mi permetto di scrivere due righe per esprimere tutto il mio entusiasmo per la bellissima giornata che nel tempo si rinnova, con il fascino intatto di un incontro tra persone accomunate da quella caratteristica oggi assai rara che è l’autenticità.

    Ci sono anche le nuove generazioni di Amici di Angal: uno è ancora nella pancia della mamma, mentre una piccolissima Linda già accompagna con delicati gorgheggi la preghiera della Messa.

    La passione per la Medicina e per l’Ospedale di Angal, la continua ricerca del modo migliore per ottimizzare tempi e risorse, la premura per le persone che incontrano, la tensione emotiva che spesso accompagna le giornate in ospedale, l’attenzione ai rapporti con il personale africano: sono alcuni degli ingredienti che compongono il bagaglio comune di tutti coloro che nel tempo si sono alternati ad Angal; ecco il… “collante” di questo gruppo festoso e colorato che si muove con disinvolta familiarità tra le stanze e la terrazza della “Torretta”.

    Già …”la Torretta”, la Casa piena di fascino, avvolta dai boschi dei colli vicentini, che conserva e dispensa ancora a piene mani la magica atmosfera di signorile ospitalità e di cordiale accoglienza, degna di una Signora d’altri tempi.

    Nel primo pomeriggio ha luogo l’Assemblea dei soci durante la quale, l’autorevolezza del Presidente dr. Marsiaj e la concretezza degli interventi dei partecipanti, propositivi e sempre puntuali e circostanziati, confermano la serietà e l’impegno dei partecipanti, il cui unico obiettivo è quello di introdurre – compatibilmente con le possibilità reali – sempre nuove migliorie, intese ad elevare il livello di qualità delle prestazioni offerte dal St.Luke’s Hospital.

    Non è il libro dei sogni… è l’aria che si respira tra gli Amici di Angal!!!

    Ancora una volta grazie alla famiglia Marsiaj per questa salutare immersione in un’oasi di bellezza.
    Tilde

  3. Una serena giornata insieme, tra amici che per diverse esperienze hanno tutti l’Africa nel cuore. Un grande GRAZIE ai Marsiaj che ogni anno ci incantano con la loro signorile ospitalità.

    Luca e Francesca

Leave Comment