echo '?' . filemtime( get_stylesheet_directory()

India. Sentenza storica contro la casa farmaceutica Novartis

Aug 6th, 2007 | By | Category: Notiziario

Vi ricordate quello che dicevamo qualche mese fa sulla causa intentata dalla Novartis contro il governo indiano per violazione dei brevetti internazionali sui farmaci, scatenata dal fatto che alcune aziende indiane producono farmaci a basso costo per combattere l’AIDS ? Il fatto ha una grossa rilevanza per noi come per tutti i paesi in via di sviluppo perchè difficilmente (leggi: è assolutamente impossibile che…) questa povera gente possa pagarsi le costosissime cure della Novartis. Ebbene, ecco una buona, anzi, ottima notizia…

(da Ansa, riportata da Nuova Agenzia Radicale e da Medici senza Frontiere)

Il tribunale della città dell’India meridionale di Chennai, con una sentenza senza precedenti, ha bocciato il ricorso della casa farmaceutica Novartis contro la legge indiana che non riconosce i brevetti per cambiamenti minori apportati a molecole già conosciute.

La Corte indiana ha motivato la sua decisione col fatto che non rientra nelle sue competenze stabilire se la legislazione indiana sia compatibile con le regole sulla proprietà intellettuale fissate dall’Organizzazione mondiale del commercio, circostanza messa in dubbio dalla Novartis.

La Novartis sostiene infatti che la legislazione indiana ostacola l’innovazione in quanto solo con la tutela dei brevetti le aziende possono continuare ad investire nella ricerca di nuovi farmaci.

Organizzazioni come Medici senza frontiere temevano invece gli effetti che una sentenza favorevole al riconoscimento di questo tipo di brevetti avrebbe potuto avere per i malati di aids dei paesi più poveri che vengono curati grazie alla produzione di medicine a basso di costo.

n.d.r. Comunque non preoccupiamoci per questi poveretti, non andranno in malora. Novartis ha annunciato a Luglio 2007 un aumento dei profitti del 18% rispetto al trimestre precedente, portandolo a 2 miliardi di dollari. Per questa volta, forse, potranno fare a meno dei risparmi della nostra gente. Forse.

Leave Comment