echo '?' . filemtime( get_stylesheet_directory()

L’autobus

Di tanto in tanto l’autobus si ferma sul ciglio della strada per sbarcare un passeggero.

Se a scendere è una giovane donna con uno o due bambini (è raro vedere una donna senza bambini), assisteremo ad una scena piena di grazia e destrezza. Prima di tutto la donna si lega sulla schiena con il fazzoletto di cotone il bambino, che continua a dormire placidamente.

Si accuccia e appoggia sulla testa l’immancabile ciotola o catinella con cibo e altre mercanzie.

Poi si raddrizza, si bilancia, cerca l’equilibrio compiendo con il corpo un movimento simile a quello del funambolo che posa il primo passo sulla corda tesa.

Quindi afferra con la sinistra la stuoia intrecciata che le serve da letto e con la destra la mano dell’altro bambino. Dopodiché, avanzando con passo uguale e misurato imboccano il sentiero nella foresta che li porta verso un mondo che non conosco e che forse non riuscirò mai a capire.

 
Un continente in marcia « » Educazione