echo '?' . filemtime( get_stylesheet_directory()

L’ospedale

L‘ospedaie St.Luke di Angal, nel West Uganda, sorto nel 1958 come dispensario e maternità, ha avuto sempre la caratteristica di ospedale rurale, ma grazie all’attiva presenza dei molti medici italiani che si sono succeduti, è sempre cresciuto, rafforzando le sue strutture e allargando il suo raggio di azione. Anche nei momenti più duri delle guerre e delle distruzioni è rimasto un punto sicuro di riferimento per una popolazione di circa 300.000 persone appartenenti alla tribù Alur, una popolazione nilotica, che vive per lo più di agricoltura.

L’Ospedale è ora una struttura che conta 260 posti letto suddivisi nei reparti di Pediatria, Maternità, Chirurgia, Medicina generale con speciali sezioni per gli ammalati di AIDS e tubercolosi e per i bambini malnutriti. A questo proposito l’ospedale di Angal è stato il primo in Uganda a creare e portare avanti il cosiddetto 11 Programma Proteine 11 fin dal 1968. L’ospedale dispone inoltre di una Radiologia e di un laboratorio per esami chimico-parassitologici.

Il reparto ospedaliero su cui grava la maggior parte del lavoro è quello pediatrico con più di 7000 pazienti ricoverati annualmente, le cui principali cause di ammissione sono rappresentate da Malaria, Diarrea, Polmonite, Meningite e Anemia. Tra gli adulti Tubercolosi, AIDS e Schistosomiasi sono le patologie più frequenti.

Anche l’attività chirurgica è piuttosto intensa ed orientata soprattutto ad interventi di chirurgia d’urgenza addominale ed ostetrico-ginecologica.

 
Cari Amici « » Perché